Archive

Tag Archives: Dairy-Free

You may think this to be one of those posts where authors claim to do great things (in the kitchen or somewhere else): astounding, astonishing, surprising things. Sort of “we want to surprise you with special effects”. Or rather, sort of “I’ve seen things you people wouldn’t believe”. Well, this is not that kind of post, though in a sense what happens can really be seen as a magic.

Read More

Here I am, back at work. I’ve been in hiding for a while, but now the time has come for me to publish something new. For those of you who don’t like quinces, well, you’d better check out some other blog (I know some very interesting blogs, in case). I know I’m definitely repetitive, but this post deals with quinces. Again. Like the next two posts, actually. Ok, this first year is going on like that, but I promise that this autumn I won’t bore you with quinces. Not that much, at least.

Read More


I finally managed to publish a new post! I know, it took me a while to publish a new recipe but life happens outside the blogosphere, and sometimes time is a really hard master.

Thus saying, I’m going to dedicate this post to a nice pasta dish I experimented a couple of years ago while I was on vacation by the sea. Of course, if you happen to chose a seaside place for your holiday, you’ll notice that everything deals with fish and seafood. How could it be otherwise? This pasta dish is extremely quick and easy (you can use precooked shrimps) and also very fresh. Yes, actually it’s a rather summer dish, at least in this hemisphere, but you can serve it all year round.

Ingredients

320-400 g macaroni
500 g cherry tomatoes
250 g shrimps, precooked and shelled
2 tbsps extravergine olive oil
1 garlic clove
1 tuft of parsley, chopped
1/2 glass of white wine
salt to taste

Preparation time: 10 minutes
Cooking time: 20-30 minutes

Serves 4

Wash the tomatoes and cut them into wedges. Cut the shrimps into small pieces if they are too big.

In a large frying pan heat the oil and cook the garlic clove till it’s slightly golden, then remove it. Toss in the shrimps and parsely and cook them for 5 minutes.

Add the tomatoes and cook for about 5 minutes. Pour in the wine and cook for 5-10 minutes more till the liquid is reduced. Season with salt if necessary.

In the meantime, you have brought a good quantity of water to the boil in a large saucepan. When water boils, add a pinch of coarse salt (according to taste) and pasta. Let it cook till al dente (or according to instructions). Drain it and stir it into the frying pan together with the shrimp and tomato sauce. Sauté for about 1 minute, then serve.

Maccheroni con Pomodorini e Gamberetti

Finalmente sono riuscita a pubblicare un nuovo post! Lo so, mi ci è voluto un po’ per pubblicare una nuova ricetta, ma la vita va avanti fuori dalla blogosfera e, a volte, il tempo è davvero tiranno.

Detto ciò, ho deciso di dedicare questo post a un bel piatto di pasta che ho sperimentato un paio di anni fa quando ero in vacanza al mare. Ovviamente, se capitate al mare, vi renderete conto che tutto ruota intorno al pesce e ai prodotti di mare. E come potrebbe essere altrimenti? Questo piatto è estremamente facile e veloce (potete usare i gamberetti precotti) e fresco. Beh, in effetti, è quasi un piatto estivo, almeno in questo emisfero, ma lo si può servire tutto l’anno.

Ingredienti

320-400 g maccheroni
500 g pomodorini ciliegia
250 g gamberetti, precotti e sgusciati
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 spicchio d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo tritato
1/2 mezzo bicchiere di vino bianco
sale q.b.

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20-30 minuti

Per 4 persone

Lavare i pomodorini e tagliarli a spicchi. Tagliare a pezzetti i gamberetti se sono troppo grandi.

In una padella far scaldare l’olio e soffriggere l’aglio fino a che non diventa leggermente dorato. Togliere l’aglio. Aggiungere i gamberetti e cuocerli per 5 minuti.

Aggiungere i pomodori e cuocere per 5 minuti. Versare il vino e cuocere èer altri 5-10 minuti fino a che il liquido non si è ritirato. Salare se necessario.

Nel frattempo, avrete messo a bollire l’acqua per la pasta. Quando l’acqua bolle, salare con il sale grosso e versare la pasta. Cuocere al dente (o secondo il gusto), scolare e versare nella padella con i pomodorini e i gamberetti. Far saltare per circa un minuto e servire.


Nothing is more ecstatically relaxing, on a summer morning, than breakfasting under the porch with a cup of coffee and a slice of bread with butter and jam, preferably with home-made butter and home-made jam. Ok, this is not the season to think of breakfasting outdoors, but it’s surely time to prepare preserves for next summer, especially if you plan to have the queen of preserves: orange marmalade.

The very first thing that comes to my mind whenever I think of orange marmalade is England: a Country that counts only on imported oranges is probably the best in making orange marmalade. It’s weird when you come to think of that, isn’t it? But what’s best than naturally grown Calabrian (or Sicilian) oranges to make marmalade? So it happened that my father-in-law brought us a heaps of oranges from an uncle’s orangegrove in Calabria. They were so many that we didn’t know what to make of them: they were dramatically languishing. My husband is not fond of orange marmalade (he claims it’s too bitter and sour…), but I couldn’t let all those citruses go bad: it would have been sacrilege! Moreover, I had read an article featured on The Guardian online where it was reported that shoppers are buying fewer jars of jam and marmelade. This is said to depend on the raising of sugar prices as well as a new interest in home-made (and healthy) food. Whatever the reason, home-making marmalade and jam is surely better than buy them.

There are several ways to make orange jam. For this recipe I followed Delia Smith’s recipe from How to Cook – Book Three, but I substituted half the sugar with brown sugar (it’s less sweet).

Ingredients

900 g oranges (about 4: they make about 400 cl of juice), preferably Seville (they’re bitter)
1 lemon
2 ¼ l water
900 g white sugar
900 g brown sugar

Makes about 8-10 small jars

First of all, place a saucer into the freezer so that it’s pretty cold for the wrinkle test (to know if marmalade has reached the setting point).

Halve the lemon and oranges and squeeze the juice out of them. Place all the pips and pith clinging to the squeezer in a square of muslin, laid over a dish to avoid getting everything dirty. Pour the juice into a large saucepan together with water.

Now cut the orange peels (not the lemon peel) into thin shreds (the thinner they are, the better) and toss them into the saucepan. Add any possible pips and/or pips to the muslin (they contain natural pectin that helps the marmalade set). Tie the square of muslin with the pips and pith inside, thus forming a sort of a little bag. Use a long thread to tie the bag to the handle of the saucepan so that it can float suspended in the water/juice liquid.

Place the saucepan on a medium heat and bring to a simmering point. Cook uncovered for about 2 hours or until the orange peels become soft. At this point the liquid should be reduced by half.

Remove the muslin bag from the saucepan and let it cool a little. Now pour in sugar and stir well over a gentle heat so that all the crystals are completely dissolved. Squeeze the muslin bag over the saucepan to extract all the jelly-like substance, that is pectin (I used kitchen rubber gloves to prevent my hands from getting sticky). Now bring to the boil and start timing. Be careful because this is a very delicate step. After about 15 minutes of boiling, try the wrinkle test. Drop a little jam onto a cold (better if previously refrigerated) saucer, wait for the jelly to cool, then tilt the saucer on its side. If the jam doesn’t slide off, but wrinkles on its surface, it is set. Otherwise, keep on cooking remembering to try the wrinkle test every 10 minutes till you reach the right consistency. 

Now pour the jam into airtight jars. Cover with lid. To sterilize and vacuum-seal the jars, put them in a saucepan, cover them with cold water and bring to the boil. Let boil for about 20-30 minutes. Remove from the pan and let them cool upside-down, so that the lid is sterilized, too. When they get cool, you should hear the vacuum-sealing “click”. Jars are perfectly sterilized and can be stored in a cool and dry place.

Just a Note – Runny or thick?

The main problem with this marmalade is that it sometimes comes out a little too runny, that is liquid. I must confess that it happened to me: actually, even if it’s runny the taste of the orange marmalade doesn’t change at all, but it can be complicated if you mean to have it spread on a slice of bread. What to do then? Of course, forget to throw it all away! The problem can be easily solved, though with a little trouble: remove the marmalade from the jars and pour it into a saucepan; add the juice of one lemon (1 lemon for about 1,3 kg of marmalade) and bring to the boil again. After 10 minutes try the wrinkle test with a freezer-cold saucer. In this way you can have an orange marmalade as thick as you choose according to your own taste. 

Just another Note – To skim off scum or not to skim off scum?

During the cooking of all jams and marmalades, a little scum can appear on the surface. Skimming it off depends on personal taste, because scum doesn’t alter the flavor (it just makes jams cloudy). I usually skim off scum but I leave it in the orange marmalade. It’s just a matter of taste.

Marmellata di arance

Non c’è niente di più rilassante, le mattine d’estate, che fare colazione sotto il pergolato in giardino con una tazza di caffè e una bella fetta di pane, burro e marmellata, meglio se con burro e marmellata fatti in casa. D’accordo, questa non è esattamente la stagione adatta per parlare di colazioni in giardino, ma è sicuramente il momento di preparare le conserve per la prossima estate, specialmente se intendete fare la regina delle marmellate: la marmellata di arance.

La prima cosa che mi viene in mente pensando alla marmellata di arance è l’Inghilterra: strano che un Paese che le arance le vede solo di importazione sia tra i migliori al mondo in fatto di orange marmalade. Ma cosa c’è di meglio delle arance calabresi o siciliane per fare la marmellata? Mio suocero ce ne aveva riportate un sacco (nel vero senso della parola) dalla Calabria, dove uno zio di mio marito ha un aranceto (e ciò mi dice che sono piuttosto naturali). Solo che erano talmente tante che riuscire a smaltirle era un’impresa e, a forza di stare lì, stavano languendo inesorabilmente. Devo dire che mio marito non è un grande fan della marmellata di arance perché dice che è troppo aspra e troppo amara (mah…), ma io l’adoro e far finire le arance nella spazzatura perché non sapevamo come consumarle mi pareva un sacrilegio. Oltretutto, avevo letto un articolo del Guardian online  in cui si diceva che, a causa dell’aumento del costo dello zucchero e della frutta di importazione, le vendite delle marmellate erano calate in Gran Bretagna, stimolando i consumatori alle preparazioni fai-da-te. Qualunque sia il motivo, le marmellate fatte in casa sono sicuramente meglio di quelle comprate.

Per la ricetta qui proposta, ho seguito quella di Delia Smith riportata sul suo sito e tratta dal suo libro How to Cook Book Three, ma ho sostituito metà dello zucchero con quello grezzo di canna che è meno dolce.

Ingredienti

900 g di arance, meglio se Siviglia (sono circa 4 e fanno circa 400 cl di succo)
1 limone
2 ¼ litri di acqua
900 g di zucchero bianco
900 g di zucchero di canna

Per 8-10 barattoli piccoli

Prima di cominciare, mettere i piattini nel freezer, in modo che siano ben freddi quando si fa la prova della densità della marmellata.

Tagliare le arance e il limone a metà e spremerne il succo. Mettere tutti i semini, le pellicine e quant’altro rimane attaccato allo spremiagrumi in un quadratino di mussola, precedentemente collocato su un piatto o scodella per non sporcare, e versare il succo nella pentola insieme all’acqua.

A questo punto, tagliare le bucce delle arance (solo arance, non limone) in strisce il più possibile sottili e versare nella pentola. Mettere eventuali altri semini e pellicine nella mussola: questa operazione è fondamentale, perché è proprio nei semi e nelle pellicine che è concentrata la pectina, ovvero il gelificante naturale che fa solidificare la marmellata. Chiudere il quadrato di mussola a formare un sacchettino e legarlo con un filo di spago piuttosto lungo al manico della pentola, cosi che rimanga sospeso nel succo.

Mettere sul fuoco e portare a leggero bollore: far bollire delicatamente e senza coperchio per un paio d’ore o comunque fino a che le bucce non siano diventate morbide. Alla fine della cottura, il liquido dovrebbe essere ridotto di circa la metà.

Togliere il sacchettino della pectina dalla pentola e lasciarlo freddare un po’. Versare lo zucchero nel liquido e mescolare bene affinché i granelli si sciolgano completamente. Fatto ciò, strizzare il sacchettino di cotone direttamente nella pentola in modo che, strizzandolo, fuoriesca tutta la pectina, che servirà ad addensare la marmellata (io ho usato i guanti per evitare di appiccicarmi tutte le mani). Portare a fuoco vivace e, dal momento in cui prende un forte bollore, cominciare a misurare il tempo. Questa è una fase molto delicata nella preparazione della marmellata perché è da ora in poi che dipende la sua consistenza, più o meno liquida. In genere, dopo 15 minuti di bollitura si fa la prova piattino: versandoci sopra un po’ di marmellata, dopo qualche secondo, inclinando il piattino, la marmellata dovrebbe scivolare molto lentamente fino a fermarsi. Se invece, scivola via veloce, non è ancora pronta e deve cuocere ancora. Da questo punto, si fa la prova piattino all’incirca ogni 10 minuti, finché la marmellata non ha la consistenza desiderata. Quando è pronta, togliamo la pentola dal fuoco e la lasciamo riposare per una ventina di minuti, dopodiché la si invasa nei barattoli.

Per sterilizzare i barattoli, metterli in una pentola, coprirli con acqua fredda e far bollire per circa 20-30 minuti. Toglierli dalla pentola e lasciarli raffreddare a testa in giù così che anche il tappo si sterilizzi ben bene. Quando si raffreddano, dovrebbe sentirsi il caratteristico “click” del sottovuoto. I barattoli sono quindi sterilizzati e possono essere conservati in dispensa.

Nota – Liquida o Densa?

Il problema di questa marmellata è che, anche seguendo scrupolosamente tutte le istruzioni, a volte la sua consistenza risulta troppo liquida. Confesso che a me è capitato: in realtà, l’aspetto più liquido non cambia il sapore, ma può dare fastidio se la si vuole spalmare sul pane. In caso ciò avvenga, niente paura e, soprattutto, niente strane idee di buttar via tutto!! Rimediare è molto semplice, anche se può sembrare un po’ noioso: basta svasare la marmellata, rimetterla nella pentola e aggiungere succo di limone (1 limone per circa 1,3 kg di marmellata) e portare di nuovo a bollore. Dopo 10 minuti, provare di nuovo con la prova piattino (freddo di freezer, ovviamente). È un sistema assicurato e si può decidere quanto farla densa a seconda dei gusti.

Un’altra nota – Schiumare sì o no?

Durante la cottura, come in tutte le marmellate, può formarsi della schiuma. Toglierla o meno, con l’aiuto di una schiumarola, dipende dal gusto personale. La schiuma, in effetti, non cambia il sapore della marmellata ma la rende semplicemente più torbida. Io, personalmente, nella marmellata di arance la lascio, mentre la tolgo in altre marmellate. Questione di gusti.

Every year the same story: what to make with the pomegranate harvest? Jellies, of course. Guinea fowl, too, or some fresh fruit salad. What else? Then one day I stopped by this blog and found the recipe for pomegranate liqueur. Pomegranate liqueur? I had never realized that liqueurs could be made with pomegranates. Well, of course, they can be made with anything fruity from lemons to walnuts, so why not pomegranates? So I did a little research and I found this site where how to make pomegranate liqueur is explained. Preparation takes a long time (about 2 months) but all this waiting is really worth while, especially if you are looking for a refreshing drink for summer days.

Ingredients

3 pomegranates, seeds only
350 ml vodka
500 ml water
150 g sugar
1 cinnamon Stick

Preparation time: about an hour
Cooking time: 10 minutes

Makes about 700-800 ml

Deseed pomegranates, removing all the white pith (it’s very sour and would spoil the liqueur). Place the seed in a large container with a lid. Pour in the vodka. Seal the container and let it rest for 3-4 weeks in a cool and dry place.

After 3-4 weeks have passed, boil water with cinnamon and sugar for 10 minutes. When cool, add the sugary water to vodka and pomegranates seeds. Rest for further 3/4 weeks.

When the liqueur is ready, filter it to remove impurities.

Liquore alla Melagrana

Tutti gli anni la stessa storia: che fare con il raccolto delle melagrane? Gelatine, ovviamente. La faraona, anche, oppure un po’ di macedonia. E poi? Poi un giorno mi sono imbattuta in questo blog dove avevano postato la ricetta del liquore alla melagrana. Liquore alla melagrana? Non avevo mai pensato che si potesse fare il liquore con la melagrana, ma, del resto, si fanno liquori con qualunque frutto, dal limone alla noce; perché non la melagrana? Così ho fatto un po’ di ricerca e ho trovato questo sito dove è spiegato come fare a farlo. La preparazione è un po’ lunga perché ci vogliono circa 2 mesi prima che sia pronto, ma ne vale la pena, soprattutto se cercate una bevanda rilassante nelle giornate estive.

 Ingredienti

3 melagrane, solo i chicchi
350 ml di vodka
500 ml di acqua
150 g di zucchero
1 bastoncino di cannella

Tempo di preparazione: un’ora circa
Tempo di cottura: 10 minuti

Per circa 700-800 ml

Schiccare le melagrane, rimuovendo la pellicina bianca che è molto amara. Mettere i semi in un contenitore capiente con coperchio e versarvi la vodka. Chiudere e lasciar riposare per 3-4 settimane in un luogo fresco e asciutto. 

Dopo 3-4 settimane bollire l’acqua con lo zucchero e la cannella per 10 minuti. Una volta raffreddata, versare l’acqua nel contenitore con la vodka e i chicchi e lasciar riposare per altre 3-4 settimane.

Quando il liquore è pronto, filtrarlo per rimuovere le impurità.

 

‘Spread on bread slices, fruit preserves are a good way of satisfying children’s hunger once in a while. For this reason alone, if for nothing else, prudent mothers should keep them on hand.’ Thus Pellegrino Artusi wrote in 1881 in the introduction to the Conserva soda di cotogne (Thick Quince Preserves) recipe in his masterpiece cookbook ‘Science in the Kitchen and the Art of Eating Well’ (English translation by Murtha Baca and Stephen Sartarelli).

Making jam is indeed the best – if not the commonest – way to cook quinces. Moreover, quince jam is the jam par excellence if you consider that the Portuguese word for this fruit is marmelo, from which the French word marmalade (and the Italian word marmellata) originated.

There are several ways to make quince jam. Traditionally, at least in Italy, quinces are cooked (with their core and skin on) in enough water to cover them. Then the skin and cores are removed, the pulp puréed and the sugar added for cooking. In this version, inspired by Elise Bauer from Simply Recipes, cores are removed beforehand and the pulp (with the skin on) thinly grated.  In this case, as the seeds are not present, lemon must be added to provide the right amount of pectin. Quince seeds are actually very high in pectin content, that is why they are employed to make quince jelly.

Personally, I love both the methods: the Italian puréed jam is softer and more delicate, like a cream, while the grated version is more rustic but absolutely delicious. I usually make both the version every year, because I love variety.

Cooking times are pretty long in this recipe because of the high quantity of quinces employed (2 kg). For smaller amounts, times are shorter, so check timing carefully when making the jam.

Ingredients

2 kg quince pulp, grated
2.5 l water
2 lemons, juice and zest
1.2 kg sugar

Preparation time: about 30 minutes
Cooking time: 2 hours

Makes about 10-12 medium jars

Prepare the grated pulp. Wash the quinces, cut them into halves and then into quarters. Remove the core carefully, because it’s very hard (my husband does this part for me…). Toss the quince quarters into a food processor to grate them or chop them thinly (I suggest you to roughly chop them before placing them in the food processor). You can grate them with a cheese grater, too, but it takes a long time.

Toss the grated quinces in a large saucepan with water, lemon juice and lemon zest. Cook for about 30 minutes till quinces are soft.

Stir in sugar, letting it dissolve, and cook over a medium heat for about 1 hour and 30 minutes, until you have the right consistency. To know if the setting point is reached, try the wrinkle test: drop a little jam onto a cold (better if previously refrigerated) saucer, wait for the jelly to cool, then tilt the saucer on its side. If the jam doesn’t slide off, but wrinkles on its surface, it is set. Otherwise, a little more cooking is necessary.

Now pour the jam into airtight jars. Cover with lid. To sterilize and vacuum-seal the jars, put them in a saucepan, cover them with cold water and bring to the boil. Let boil for about 20-30 minutes. Remove from the pan and let them cool upside-down, so that the lid is sterilized, too. When they get cool, you should hear the vacuum-sealing “click”. Jars are perfectly sterilized and can be stored in a cool and dry place.

Marmellata di Mele Cotogne

‘Le mamme provvide dovrebbero far buon conto delle conserve di frutta non foss’altro per appagar qualche volta la golosità dei loro bambini, spalmandole sopra fette di pane.’ Così Pellegrino Artusi scriveva nel 1881 nell’introduzione alla Conserva soda di cotogne nel suo capolavoro “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”.

Fare marmellate è in effetti il modo migliore – nonché il più comune – per cuocere le mele cotogne. Non solo: la marmellata di cotogne è la marmellata per eccellenza se si considera che la parola portoghese per questo frutto è marmelo, dai cui derivano il francese marmelade e l’italiano marmellata.

Ci sono diversi modi per fare la marmellata di cotogne. Tradizionalmente, almeno in Italia, le cotogne vengono cotte (con torsolo e buccia) in tanta acqua sufficiente a ricoprirle. Si tolgono poi la buccia e il torsolo, si passa la polpa al setaccio e si aggiunge lo zucchero per la cottura. In questa versione, che trae ispirazione da Elise Bauer di Simply Recipes, il torsolo viene tolto subito e la polpa, con la buccia, viene grattugiata. In questo caso, non essendoci i semi, bisogna aggiungere il limone per apportare la giusta quantità di pectina. I semi di cotogna sono infatti naturalmente ricchi di pectina: per questo vengono usati per la preparazione della gelatina di mele cotogne.

Personalmente, a me piacciono entrambi i metodi: la marmellata italiana è più morbida e delicata, mentre la versione grattugiata è un po’ più rustica ma molto buona. In genere, le faccio tutte e due ogni anno, perché adoro la varietà.

I tempi di cottura sono piuttosto lunghi a causa del gran quantitativo di cotogne (2 kg). Per quantità minori, i tempi sono più brevi, quindi controllate attentamente i tempi durante la preparazione.

Ingredienti

2 kg di polpa di cotogne grattugiata
2.5 l di acqua
2 limoni, scorza e succo
1.2 kg di zucchero

Tempo di preparazione: 30 minuti circa
Tempo di cottura: 2 ore

Per circa 10-12 barattoli medi

Preparare la polpa grattugiata. Lavare le mele cotogne, tagliarle a metà e poi in quarti. Togliere il torsolo con attenzione perché è molto duro (questo lo faccio fare a mio marito…). Tritare le cotogne (meglio se tagliate a tocchetti) in un robot da cucina. Volendo, si possono grattugiare con una grattugia, ma ci vuole molto tempo.

Mettere le cotogne grattugiate in una pentola grande con l’acqua, il succo e la scorza di limone. Cuocere per circa 30 minuti fino a che le cotogne non risultano morbide.

Versare lo zucchero mescolando e facendolo sciogliere. Cuocere la marmellata a fuoco medio per circa un’ora e mezzo, fino a che non si ottiene la consistenza desiderata. Per sapere se si raggiunge il giusto punto di cottura, fare la prova del piattino: versare una goccia di marmellata in un piattino freddo (meglio di freezer), attendere che la marmellata si raffreddi e inclinare il piattino. Se la marmellata non scivola, è pronta. Altrimenti è necessaria ancora un po’ di cottura.

Adesso versare la marmellata nei barattoli da sottovuoto. Coprire con il coperchio. Per sterilizzare i barattoli, metterli in una pentola, coprirli con acqua fredda e far bollire per circa 20-30 minuti. Toglierli dalla pentola e lasciarli raffreddare a testa in giù così che anche il tappo si sterilizzi ben bene. Quando si raffreddano, dovrebbe sentirsi il caratteristico “click” del sottovuoto. I barattoli sono quindi sterilizzati e possono essere conservati in dispensa.


Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 37 other followers

%d bloggers like this: