Archive

Winter Recipes

After the sweet illustration for Lapo’s book I’m back to my old love: cooking. And I’m back with a warm, savory first course to cheer you up on a cold, rainy day: an orzotto, that is a risotto made with barley instead of rice. I’ve had this recipe in my for a long time, since I bought a pack of barley some three months ago (or even earlier, surely before I broke my leg). Making an orzotto is as simple as making risotto: only cooking times are slightly shorter. Well, for this orzotto I was inspired by a couple of recipes from Jamie’s Italy, Jamie Oliver’s book on Italian cuisine. Read More

Nothing is more ecstatically relaxing, on a summer morning, than breakfasting under the porch with a cup of coffee and a slice of bread with butter and jam, preferably with home-made butter and home-made jam. Ok, this is not the season to think of breakfasting outdoors, but it’s surely time to prepare preserves for next summer, especially if you plan to have the queen of preserves: orange marmalade.

The very first thing that comes to my mind whenever I think of orange marmalade is England: a Country that counts only on imported oranges is probably the best in making orange marmalade. It’s weird when you come to think of that, isn’t it? But what’s best than naturally grown Calabrian (or Sicilian) oranges to make marmalade? So it happened that my father-in-law brought us a heaps of oranges from an uncle’s orangegrove in Calabria. They were so many that we didn’t know what to make of them: they were dramatically languishing. My husband is not fond of orange marmalade (he claims it’s too bitter and sour…), but I couldn’t let all those citruses go bad: it would have been sacrilege! Moreover, I had read an article featured on The Guardian online where it was reported that shoppers are buying fewer jars of jam and marmelade. This is said to depend on the raising of sugar prices as well as a new interest in home-made (and healthy) food. Whatever the reason, home-making marmalade and jam is surely better than buy them.

There are several ways to make orange jam. For this recipe I followed Delia Smith’s recipe from How to Cook – Book Three, but I substituted half the sugar with brown sugar (it’s less sweet).

Ingredients

900 g oranges (about 4: they make about 400 cl of juice), preferably Seville (they’re bitter)
1 lemon
2 ¼ l water
900 g white sugar
900 g brown sugar

Makes about 8-10 small jars

First of all, place a saucer into the freezer so that it’s pretty cold for the wrinkle test (to know if marmalade has reached the setting point).

Halve the lemon and oranges and squeeze the juice out of them. Place all the pips and pith clinging to the squeezer in a square of muslin, laid over a dish to avoid getting everything dirty. Pour the juice into a large saucepan together with water.

Now cut the orange peels (not the lemon peel) into thin shreds (the thinner they are, the better) and toss them into the saucepan. Add any possible pips and/or pips to the muslin (they contain natural pectin that helps the marmalade set). Tie the square of muslin with the pips and pith inside, thus forming a sort of a little bag. Use a long thread to tie the bag to the handle of the saucepan so that it can float suspended in the water/juice liquid.

Place the saucepan on a medium heat and bring to a simmering point. Cook uncovered for about 2 hours or until the orange peels become soft. At this point the liquid should be reduced by half.

Remove the muslin bag from the saucepan and let it cool a little. Now pour in sugar and stir well over a gentle heat so that all the crystals are completely dissolved. Squeeze the muslin bag over the saucepan to extract all the jelly-like substance, that is pectin (I used kitchen rubber gloves to prevent my hands from getting sticky). Now bring to the boil and start timing. Be careful because this is a very delicate step. After about 15 minutes of boiling, try the wrinkle test. Drop a little jam onto a cold (better if previously refrigerated) saucer, wait for the jelly to cool, then tilt the saucer on its side. If the jam doesn’t slide off, but wrinkles on its surface, it is set. Otherwise, keep on cooking remembering to try the wrinkle test every 10 minutes till you reach the right consistency. 

Now pour the jam into airtight jars. Cover with lid. To sterilize and vacuum-seal the jars, put them in a saucepan, cover them with cold water and bring to the boil. Let boil for about 20-30 minutes. Remove from the pan and let them cool upside-down, so that the lid is sterilized, too. When they get cool, you should hear the vacuum-sealing “click”. Jars are perfectly sterilized and can be stored in a cool and dry place.

Just a Note – Runny or thick?

The main problem with this marmalade is that it sometimes comes out a little too runny, that is liquid. I must confess that it happened to me: actually, even if it’s runny the taste of the orange marmalade doesn’t change at all, but it can be complicated if you mean to have it spread on a slice of bread. What to do then? Of course, forget to throw it all away! The problem can be easily solved, though with a little trouble: remove the marmalade from the jars and pour it into a saucepan; add the juice of one lemon (1 lemon for about 1,3 kg of marmalade) and bring to the boil again. After 10 minutes try the wrinkle test with a freezer-cold saucer. In this way you can have an orange marmalade as thick as you choose according to your own taste. 

Just another Note – To skim off scum or not to skim off scum?

During the cooking of all jams and marmalades, a little scum can appear on the surface. Skimming it off depends on personal taste, because scum doesn’t alter the flavor (it just makes jams cloudy). I usually skim off scum but I leave it in the orange marmalade. It’s just a matter of taste.

Marmellata di arance

Non c’è niente di più rilassante, le mattine d’estate, che fare colazione sotto il pergolato in giardino con una tazza di caffè e una bella fetta di pane, burro e marmellata, meglio se con burro e marmellata fatti in casa. D’accordo, questa non è esattamente la stagione adatta per parlare di colazioni in giardino, ma è sicuramente il momento di preparare le conserve per la prossima estate, specialmente se intendete fare la regina delle marmellate: la marmellata di arance.

La prima cosa che mi viene in mente pensando alla marmellata di arance è l’Inghilterra: strano che un Paese che le arance le vede solo di importazione sia tra i migliori al mondo in fatto di orange marmalade. Ma cosa c’è di meglio delle arance calabresi o siciliane per fare la marmellata? Mio suocero ce ne aveva riportate un sacco (nel vero senso della parola) dalla Calabria, dove uno zio di mio marito ha un aranceto (e ciò mi dice che sono piuttosto naturali). Solo che erano talmente tante che riuscire a smaltirle era un’impresa e, a forza di stare lì, stavano languendo inesorabilmente. Devo dire che mio marito non è un grande fan della marmellata di arance perché dice che è troppo aspra e troppo amara (mah…), ma io l’adoro e far finire le arance nella spazzatura perché non sapevamo come consumarle mi pareva un sacrilegio. Oltretutto, avevo letto un articolo del Guardian online  in cui si diceva che, a causa dell’aumento del costo dello zucchero e della frutta di importazione, le vendite delle marmellate erano calate in Gran Bretagna, stimolando i consumatori alle preparazioni fai-da-te. Qualunque sia il motivo, le marmellate fatte in casa sono sicuramente meglio di quelle comprate.

Per la ricetta qui proposta, ho seguito quella di Delia Smith riportata sul suo sito e tratta dal suo libro How to Cook Book Three, ma ho sostituito metà dello zucchero con quello grezzo di canna che è meno dolce.

Ingredienti

900 g di arance, meglio se Siviglia (sono circa 4 e fanno circa 400 cl di succo)
1 limone
2 ¼ litri di acqua
900 g di zucchero bianco
900 g di zucchero di canna

Per 8-10 barattoli piccoli

Prima di cominciare, mettere i piattini nel freezer, in modo che siano ben freddi quando si fa la prova della densità della marmellata.

Tagliare le arance e il limone a metà e spremerne il succo. Mettere tutti i semini, le pellicine e quant’altro rimane attaccato allo spremiagrumi in un quadratino di mussola, precedentemente collocato su un piatto o scodella per non sporcare, e versare il succo nella pentola insieme all’acqua.

A questo punto, tagliare le bucce delle arance (solo arance, non limone) in strisce il più possibile sottili e versare nella pentola. Mettere eventuali altri semini e pellicine nella mussola: questa operazione è fondamentale, perché è proprio nei semi e nelle pellicine che è concentrata la pectina, ovvero il gelificante naturale che fa solidificare la marmellata. Chiudere il quadrato di mussola a formare un sacchettino e legarlo con un filo di spago piuttosto lungo al manico della pentola, cosi che rimanga sospeso nel succo.

Mettere sul fuoco e portare a leggero bollore: far bollire delicatamente e senza coperchio per un paio d’ore o comunque fino a che le bucce non siano diventate morbide. Alla fine della cottura, il liquido dovrebbe essere ridotto di circa la metà.

Togliere il sacchettino della pectina dalla pentola e lasciarlo freddare un po’. Versare lo zucchero nel liquido e mescolare bene affinché i granelli si sciolgano completamente. Fatto ciò, strizzare il sacchettino di cotone direttamente nella pentola in modo che, strizzandolo, fuoriesca tutta la pectina, che servirà ad addensare la marmellata (io ho usato i guanti per evitare di appiccicarmi tutte le mani). Portare a fuoco vivace e, dal momento in cui prende un forte bollore, cominciare a misurare il tempo. Questa è una fase molto delicata nella preparazione della marmellata perché è da ora in poi che dipende la sua consistenza, più o meno liquida. In genere, dopo 15 minuti di bollitura si fa la prova piattino: versandoci sopra un po’ di marmellata, dopo qualche secondo, inclinando il piattino, la marmellata dovrebbe scivolare molto lentamente fino a fermarsi. Se invece, scivola via veloce, non è ancora pronta e deve cuocere ancora. Da questo punto, si fa la prova piattino all’incirca ogni 10 minuti, finché la marmellata non ha la consistenza desiderata. Quando è pronta, togliamo la pentola dal fuoco e la lasciamo riposare per una ventina di minuti, dopodiché la si invasa nei barattoli.

Per sterilizzare i barattoli, metterli in una pentola, coprirli con acqua fredda e far bollire per circa 20-30 minuti. Toglierli dalla pentola e lasciarli raffreddare a testa in giù così che anche il tappo si sterilizzi ben bene. Quando si raffreddano, dovrebbe sentirsi il caratteristico “click” del sottovuoto. I barattoli sono quindi sterilizzati e possono essere conservati in dispensa.

Nota – Liquida o Densa?

Il problema di questa marmellata è che, anche seguendo scrupolosamente tutte le istruzioni, a volte la sua consistenza risulta troppo liquida. Confesso che a me è capitato: in realtà, l’aspetto più liquido non cambia il sapore, ma può dare fastidio se la si vuole spalmare sul pane. In caso ciò avvenga, niente paura e, soprattutto, niente strane idee di buttar via tutto!! Rimediare è molto semplice, anche se può sembrare un po’ noioso: basta svasare la marmellata, rimetterla nella pentola e aggiungere succo di limone (1 limone per circa 1,3 kg di marmellata) e portare di nuovo a bollore. Dopo 10 minuti, provare di nuovo con la prova piattino (freddo di freezer, ovviamente). È un sistema assicurato e si può decidere quanto farla densa a seconda dei gusti.

Un’altra nota – Schiumare sì o no?

Durante la cottura, come in tutte le marmellate, può formarsi della schiuma. Toglierla o meno, con l’aiuto di una schiumarola, dipende dal gusto personale. La schiuma, in effetti, non cambia il sapore della marmellata ma la rende semplicemente più torbida. Io, personalmente, nella marmellata di arance la lascio, mentre la tolgo in altre marmellate. Questione di gusti.

As told in the Quince Jam recipe, this is the creamy and soft version of the quince jam, as we use to make in Italy. It requires a rather long preparation because quinces need to be cooked for about an hour beforehand. It is important to cook quinces (cut into quarters) together with their skin and cores (they both contain natural pectin); in this way you don’t need to add lemon.

Ingredients

2.5 kg quince purée (made from about 3 kg of quinces as explained below)
1.5 kg sugar
1.5 liter cooking water

Preparation time: 1 hour 30 minutes
Cooking time: 2 hours

Makes about 16-18 medium jars

Wash the quinces to remove the superficial velvety down. Cut them into quartets leaving the core and skin on (they contain natural pectin). Toss them in a large saucepan and cover them with water (you’ll need several liters). Bring to the boil and cook them for about an hour or until quinces are soft and can be pierced with a fork. When they are ready, remove the saucepan from the heat and let them cool in their water.

When they are completely cool, remove the core and skin and mash the pulp with a stick blender in order to obtain a soft purée. Pour the quince purée in a large saucepan together with their cooking water (1.5 liters in this case or 600 ml for 1 kg of purée) and sugar (600 grams of sugar for 1 kg of puree, or even a little less according to taste). Cook for about 1 hour or until you have the right consistency, stirring now and then and skimming off scum if necessary. To know if the setting point is reached, try the wrinkle test: drop a little jam onto a cold (better if previously refrigerated) saucer, wait for the jam to cool, then tilt the saucer on its side. If the jam doesn’t slide off, but wrinkles on its surface, it is set. Otherwise, a little more cooking is necessary.

Now pour the jam into airtight jars. Cover with lid. To sterilize and vacuum-seal the jars, put them in a saucepan, cover them with cold water and bring to the boil. Let boil for about 20-30 minutes. Remove from the pan and let them cool upside-down, so that the lid is sterilized, too. When they get cool, you should hear the vacuum-sealing “click”. Jars are perfectly sterilized and can be stored in a cool and dry place.

Marmellata Cremosa di Mele Cotogne

Come già spiegato nella ricetta della Marmellata di Mele Cotogne, questa è la versione cremosa di questa marmellata, così come la si fa in Italia. Richiede una preparazione piuttosto lunga poiché le cotogne devono essere cotte prima per circa un’ora. È molto importante cuocere le cotogne  (tagliate in quarti) insieme alla buccia e al torsolo perché sono naturalmente ricchi di pectina; in questo modo non occorre usare il succo di limone come addensante.

Ingredienti

2.5 kg di purea di mele cotogne (fatta, come spiegato sotto, da circa 3 kg di mele cotogne)
1.5 kg di zucchero
1.5 litri di acqua di cottura delle mele

Tempo di preparazione: 1 ora e mezzo
Tempo di cottura: 2 ore

Per circa 16-18 barattoli di media grandezza

Lavare accuratamente le cotogne in modo da rimuovere la peluria superficiale. Tagliarle in quarti lasciando il torsolo con i semi e la buccia (contengono pectina naturale). Mettere le cotogne in una pentola grande e ricoprirle di acqua (occorreranno diversi litri). Portare ad ebollizione e cuocere per circa un’ora o fino a quando le cotogne siano abbastanza morbide da essere bucate con una forchetta. Quando sono fatte, togliere la pentola dal fuoco e lasciar raffreddare le cotogne nella loro acqua.

Una volta raffreddate, eliminare il torsolo e la buccia e passare la polpa al setaccio o schiacciarla con il mixer in modo da ridurla a una purea. Metterla in una pentola grande insieme all’acqua di cottura (1.5 litri in questo caso o 600 ml per ogni chilo di purea) e allo zucchero (600 g per ogni chilo di purea o meno a seconda dei gusti). Cuocere per circa un’ora fino ad ottenere la giusta consistenza, mescolando di tanto in tanto e schiumando se necessario. Per sapere se si raggiunge il giusto punto di cottura, fare la prova del piattino: versare una goccia di marmellata in un piattino freddo (meglio di freezer), attendere che la marmellata si raffreddi e inclinare il piattino. Se la marmellata non scivola, è pronta. Altrimenti è necessaria ancora un po’ di cottura.

Adesso versare la marmellata nei barattoli da sottovuoto. Coprire con il coperchio. Per sterilizzare i barattoli, metterli in una pentola, coprirli con acqua fredda e far bollire per circa 20-30 minuti. Toglierli dalla pentola e lasciarli raffreddare a testa in giù così che anche il tappo si sterilizzi ben bene. Quando si raffreddano, dovrebbe sentirsi il caratteristico “click” del sottovuoto. I barattoli sono quindi sterilizzati e possono essere conservati in dispensa.

Every year the same story: what to make with the pomegranate harvest? Jellies, of course. Guinea fowl, too, or some fresh fruit salad. What else? Then one day I stopped by this blog and found the recipe for pomegranate liqueur. Pomegranate liqueur? I had never realized that liqueurs could be made with pomegranates. Well, of course, they can be made with anything fruity from lemons to walnuts, so why not pomegranates? So I did a little research and I found this site where how to make pomegranate liqueur is explained. Preparation takes a long time (about 2 months) but all this waiting is really worth while, especially if you are looking for a refreshing drink for summer days.

Ingredients

3 pomegranates, seeds only
350 ml vodka
500 ml water
150 g sugar
1 cinnamon Stick

Preparation time: about an hour
Cooking time: 10 minutes

Makes about 700-800 ml

Deseed pomegranates, removing all the white pith (it’s very sour and would spoil the liqueur). Place the seed in a large container with a lid. Pour in the vodka. Seal the container and let it rest for 3-4 weeks in a cool and dry place.

After 3-4 weeks have passed, boil water with cinnamon and sugar for 10 minutes. When cool, add the sugary water to vodka and pomegranates seeds. Rest for further 3/4 weeks.

When the liqueur is ready, filter it to remove impurities.

Liquore alla Melagrana

Tutti gli anni la stessa storia: che fare con il raccolto delle melagrane? Gelatine, ovviamente. La faraona, anche, oppure un po’ di macedonia. E poi? Poi un giorno mi sono imbattuta in questo blog dove avevano postato la ricetta del liquore alla melagrana. Liquore alla melagrana? Non avevo mai pensato che si potesse fare il liquore con la melagrana, ma, del resto, si fanno liquori con qualunque frutto, dal limone alla noce; perché non la melagrana? Così ho fatto un po’ di ricerca e ho trovato questo sito dove è spiegato come fare a farlo. La preparazione è un po’ lunga perché ci vogliono circa 2 mesi prima che sia pronto, ma ne vale la pena, soprattutto se cercate una bevanda rilassante nelle giornate estive.

 Ingredienti

3 melagrane, solo i chicchi
350 ml di vodka
500 ml di acqua
150 g di zucchero
1 bastoncino di cannella

Tempo di preparazione: un’ora circa
Tempo di cottura: 10 minuti

Per circa 700-800 ml

Schiccare le melagrane, rimuovendo la pellicina bianca che è molto amara. Mettere i semi in un contenitore capiente con coperchio e versarvi la vodka. Chiudere e lasciar riposare per 3-4 settimane in un luogo fresco e asciutto. 

Dopo 3-4 settimane bollire l’acqua con lo zucchero e la cannella per 10 minuti. Una volta raffreddata, versare l’acqua nel contenitore con la vodka e i chicchi e lasciar riposare per altre 3-4 settimane.

Quando il liquore è pronto, filtrarlo per rimuovere le impurità.

 

After so much chanting and talking about the splendour of my quinces and the luxuriant harvest of this year, I’ve finally managed to post a quince-related recipe. That, in this case, was purposely created to enter this pretty “sweet” contest. Unfortunately, I broke my leg so I couldn’t submit this recipe in time before the appointed deadline. All the same, I wanted to try it, so here it is.

For these tartelettes I was inspired by a Lebanese recipe for baked stuffed apples that employed rose water. I thought that rose water would be perfect with quinces, especially if enhanced by the warmth of spices like cardamom, cinnamon and cloves.

For the pie crust I used my mom’s traditional recipe that goes well with almost everything.

Ingredients

For the pie crust:
3 cups flour, sifted
2 egg yolks
1 cup sugar
150 g butter, at room temperature
pinch of salt

For the filling:
1.5 kg quinces
100 g brown sugar
30 g butter
100 ml rose water
1 tsp cinnamon
6-7 cardamom pods, seeds only
4-5 cloves
1/2 tsp aniseed
juice and zest of 1 lemon
50 g raisins

Preparation time: 1 hour and 30 minutes
Cooking time: 45 minutes for quinces, 30-60 minutes for the tartelettes

Makes about 22-24

Prepare the pie crust as explained here.

Preheat oven to 190°C (375°F).

Peel, core and cut the quinces into small cubes. Melt the butter in a large saucepan and stir in sugar, cinnamon, cardamom seeds, cloves and aniseed. Toss the quince cubes and cook for about 15 minutes, stirring now and then. Pour rose water and lemon juice; stir in lemon zest. Now cook for about 30 minutes till quinces are soft and tender. Stir in raisins and remove from heat.

Spread the dough 0.5 cm high with a rolling pin and cut it with round cutters (8-10 cm diameter).

Grease a muffin mould with melted butter and sprinkle with flour. Place the dough rounds in each slot so to create a sort of little baskets. Pin with a fork. Fill the tartelettes with the quince mixture and bake for 15 minutes.

Serve hot, preferably with some brandy butter or whipped cream.

Crostatine di Mele Cotogne alla Rosa

Dopo aver così a lungo decantato lo splendore delle mie mele cotogne e l’abbondante raccolto di quest’anno, sono riuscita finalmente a postare una ricetta sulle cotogne. Che, nel caso specifico, era stata creata per partecipare a questo “dolcissimo” contest. Sfortunatamente, però, mi sono rotta una gamba nel frattempo e non sono riuscita a inviare la ricetta in tempo prima della scadenza. Pazienza. Comunque, la volevo fare lo stesso e quindi eccola qua.

Per queste crostatine mi sono ispirata a una ricetta libanese per le mele ripiene al forno che prevedeva l’acqua di rose. Ho pensato che l’acqua di rose stesse benissimo con le mele cotogne, soprattutto se aromatizzata con spezie come cannella, cardamomo e chiodi di garofano.

Per l’impasto delle crostatine ho usato la ricetta della mamma che va bene praticamente per qualunque cosa.

Ingredienti

Per l’impasto:
3 tazze di farina setacciata
2 tuorli
1 tazza di zucchero
150 g di burro a temperatura ambiente
un pizzico di sale

Per il ripieno:
1.5 kg di mele cotogne
100 g di zucchero di canna
30 g di burro
100 ml di acqua di rose
1 cucchiaino di cannella
6-7 bacche di cardamomo, solo i semi interni
4-5 chiodi di garofano
1/2 cucchiaino di semi di anice
succo scorza di un limone
50 g di uvetta

Tempo di preparazione: 1 ora e mezzo
Tempo di cottura: 45 minuti per le mele cotogne, 30-60 minuti per le crostatine

Per circa 22-24 crostatine

Preparare l’impasto per le crostatine come spiegato qui.

Preriscaldare il forno a 190°C.

Pelare le mele cotogne, rimuovere il torsolo e tagliarle a cubetti. Sciogliere il burro in una padella e mescolarvi lo zucchero, la cannella, il cardamomo, i chiodi di garofano e i semi di anice. Aggiungere le cotogne e far cuocere per circa 15 minuti. Versare l’acqua di rose e il succo di limone e aggiungere la scorza del limone. Cuocere per 30 minuti o fino a quando le cotogne non risultano tenere. Aggiungere l’uvetta e rimuovere dal fuoco.

Stendere la pasta con un mattarello a un’altezza di circa mezzo centimetro e ritagliare con un tagliapasta dei cerchi del diametro di circa 8-10 cm.

Ungere uno stampo da muffin con del burro fuso e cospargere di farina. Collocare i cerchi di pasta in negli alloggiamenti dello stampo in modo da formare una specie di cestini. Bucherellare con una forchetta. Riempire le crostatine con il ripieno di cotogne e cuocere in forno per 15 minuti.

Servire calde preferibilmente accompagnate con burro al brandy o panna montata.


Literally, beans in “little birds style” with sausage, but in spite of this curious name, there are no birds involved at all. No one actually knows where the name all’uccelletto comes from. We only can suppose that these beans are thus called because they are cooked the same way little birds were cooked. At least, according to Pellegrino Artusi, who calls them “fagiuoli a guisa d’uccellini” (beans in “little birds style”) in his famous cookbook Science in the Kitchen and the Art of Eating Well (1881). Whatever their origin, fagioli all’uccelletto are one of one of the most famous (and delicious) Tuscan dishes. One of those you never have enough of. Like many other Tuscan recipes, fagioli all’uccelletto probably have a peasant origin, seing that their made only with beans, sage and tomato sauce. In the Florentine area (where fagioli all’uccelletto actually come from), sausages are usually added to make a complete dish, but you can cook beans alone to have a scrumptious side dish that everyone will surely enjoy.

To make fagioli all’uccelletto you need to use already cooked white beans (possibly, cannellini). You can either buy them cooked from your grocery store or buy them dried. In this case, they need to be soaked in water for a night or so (at least 12 hours) then boiled (it will take about an hour before they are evenly cooked and soft). Consider that beans double their weight when cooked, so if you have 250 grams of dried beans are about 500-600 grams of cooked beans.

Ingredients

600 g cooked white beans (cannellini)
100 g tomato pulp
3-4 tbsps extravergine olive oil
1-2 sprigs of sage
1-2 garlic cloves
3-4 sausages
salt and pepper to taste

Preparation time: 5 minutes
Cooking time: about 30-40 minutes

Serves 2-3

In a large saucepan heat oil and let the garlic and sage leaves gently fry for 2-3 minutes. Remove garlic and pour the tomato pulp. Cook for 2-3 minutes. Now stir in the beans. After a few minutes add sausages (you’d better cut them lengthwise so that they can be evenly cooked inside). Cook for about 30 minutes stirring now and then and adding a little water if necessary.

Fagioli all’uccelletto must be very creamy when ready. Add salt and pepper to taste, but remember that beans are rather salty on their own, so be careful.

Serve hot.

Fagioli all’Uccelletto con Salsiccia

Nonostante il nome curioso, di uccelli non c’è traccia in questa ricetta. Nessuno in realtà sa da dove venga il nome all’uccelletto. Si può solo supporre che questi fagioli si chiamino così per via del metodo di cottura, simile a quello usato per cuocere gli uccelli. Almeno secondo Pellegrino Artusi che, nel libro La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene (1881), li chiama “fagiuoli a guisa d’uccellini”. Qualunque sia la loro origine, i fagioli all’uccelletto sono uno dei piatti toscani più famosi (e buoni). Uno di quelli che quando ci sono non bastano mai. Come molte altre ricette toscane, i fagioli all’uccelletto hanno probabilmente un’origine contadina, visto che si preparano solo con fagioli, salvia e passata di pomodoro. A Firenze, la patria dei fagioli all’uccelletto, di solito si aggiungono anche le salcicce per avere un piatto unico, ma si possono mangiare anche da soli come contorno che farà impazzire tutti. 

Per fare i fagioli all’uccelletto occorrono fagioli già cotti (possibilmente cannellini). Si possono comprare cotti direttamente in negozio (fornai o gastronomie), oppure secchi. In questo caso, vanno lasciati a bagno in acqua una notte e poi messi a bollire per un’ora circa. Considerate che i fagioli raddoppiano il loro peso quando sono cotti, per cui circa 250 grammi di fagioli secchi corrispondono a circa 500-600 grammi di fagioli cotti.

Ingredienti

600 g di fagioli cannellini cotti
100 g di passata di pomodoro
3-4 cucchiai di olio extravergine di oliva 
1-2 rametti di salvia
1-2 spicchi d’aglio
3-4 salsicce
sale e pepe q.b.

Tempo di preparazione: 5 minuti
Tempo di cottura: about 30-40 minuti

Per 2-3 persone

Scaldare l’olio in una padella e far soffriggere l’aglio e le foglie di salvia per 2-3 minuti. Togliere l’aglio e versare la passata di pomodoro. Cuocere per 2-3 minuti. Aggiungere i fagioli mescolando bene e, dopo alcuni minuti, aggiungere le salsicce (meglio se preventivamente incise nel senso della lunghezza per permettere una cottura uniforme). Cuocere per circa 30 minuti, aggiungendo acqua se necessario.

I fagioli all’uccelletto devono risultare molto cremosi. Aggiustare di sale e pepe a gusto, facendo molta attenzione perché i fagioli sono naturalmente salati di suo.

Servire caldi.

It’s not winter time yet, it’s true, but the weather is so bad outside that it’s like already being in the depths of cold, chilly, bitter winter. And “it is a truth universally acknowledged” – quoting dear Jane Austen – that late autumn and winter are not the triumph of fruit. No peaches, apricots, strawberries or plums to cheer our palates up; only apples, pears and oranges for the most part. But this lack of variety must not be considered a limitation for creativity; on the contrary, it is the mother of invention. And if you have a look around, you’ll see that autumn is as quite generous a season as spring or summer: tangerines, kiwis, persimmons, the omnipresent bananas, honeydew melons, grapes. Not to mention all kinds of dried fruits and nuts. This is why a fruit salad can be a delicious treat even without strawberries.

To make this fruit salad I used all the fruit I had at home: pears, apples, tangerines, oranges and honeydew. The apples I chose are the so-called Annurca Rossa del Sud, a highly esteemed variety cultivated in Southern Italy – small, red and with a crunchy flesh – to which I left the skin on to enhance the chromatism (of course, you can substitute it with another apple). For an autumnal touch I also added some dried cranberries (in Italy cranberries can be found only dried, so if you happen to find them fresh, use them) and almonds, and, to spice up the fruit salad, lemon (to prevent apples from browning) and cinnamon.

Ingredients

2 tangerines, peeled and segmented
2 slices of honeydew melon, peeled and cut into pieces
2 oranges, supremed
1 Annurca apple, chunked
1 pear, peeled and chunked
50 g dried cranberries
50 g almonds
2 tbsps brown sugar
1/2 tsp cinnamon
juice of 1 lemon

Preparation time: 20-30 minutes to prepare fruit

Serves 2-3

Put the fruit, dried cranberries and almonds into a bowl; add lemon juice, sugar and cinnamon. Stir well.

Macedonia d’Autunno e Inverno

Non è ancora inverno, è vero, ma il tempo fuori è così brutto che sembra di essere già nel cuore della fredda e pungente stagione invernale. Ed è “una verità universalmente riconosciuta” – tanto per citare la cara Jane Austen – che l’autunno e l’inverno non siano il trionfo della frutta. Non ci sono pesche, albicocche, fragole o susine a rallegrare i nostri palati; solo mele, pere e arance per lo più. Ma questa carenza di varietà non deve essere considerata una limitazione alla creatività; anzi, aguzza l’ingegno. E se date un’occhiata in giro, vi renderete conto che l’autunno è quasi generoso come la primavera o l’estate: mandarini, kiwi, cachi, le onnipresenti banana, meloni d’inverno, uva. Ecco perché una macedonia può essere buona anche senza le fragole.

Per fare questa macedonia ho usato la frutta che avevo a casa: pere, mele, mandarini, arance e melone d’inverno. La mela è del tipo Annurca Rossa del Sud IGP, una varietà coltivata specialmente in Campania dalla buccia rossa e la polpa croccante, alla quale ho lasciato la buccia per accentuare il cromatismo (ovviamente, può essere sostituita con un’altra mela). Per un tocco autunnale ho aggiunto anche dei cranberries secchi (quelli freschi in Italia non si trovano) e mandorle e, per dare più sapore alla macedonia, il limone (per evitare che la mela si annerisca) e cannella.

Ingredienti

2 mandarini, sbucciati e fatti a spicchi
2 fette di melone d’inverno, sbucciate e tagliate a pezzi
2 arance, pelate al vivo
1 mela Annurca, a pezzetti
1 pera, sbucciata e tagliata a pezzetti
50 g di cranberries secchi
50 g di mandorle
2 cucchiai di zucchero di canna
1/2 cucchiaino di cannella
succo di 1 limone

Tempo di preparazione: 20-30 minuti per preparare la frutta

Per 2-3 persone

Mettere la frutta, i cranberries e le mandorle in una ciotola; aggiungere il succo di limone, lo zucchero e la cannella e mescolare bene.

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 37 other followers

%d bloggers like this: