Archive

Fish & Seafood


I finally managed to publish a new post! I know, it took me a while to publish a new recipe but life happens outside the blogosphere, and sometimes time is a really hard master.

Thus saying, I’m going to dedicate this post to a nice pasta dish I experimented a couple of years ago while I was on vacation by the sea. Of course, if you happen to chose a seaside place for your holiday, you’ll notice that everything deals with fish and seafood. How could it be otherwise? This pasta dish is extremely quick and easy (you can use precooked shrimps) and also very fresh. Yes, actually it’s a rather summer dish, at least in this hemisphere, but you can serve it all year round.

Ingredients

320-400 g macaroni
500 g cherry tomatoes
250 g shrimps, precooked and shelled
2 tbsps extravergine olive oil
1 garlic clove
1 tuft of parsley, chopped
1/2 glass of white wine
salt to taste

Preparation time: 10 minutes
Cooking time: 20-30 minutes

Serves 4

Wash the tomatoes and cut them into wedges. Cut the shrimps into small pieces if they are too big.

In a large frying pan heat the oil and cook the garlic clove till it’s slightly golden, then remove it. Toss in the shrimps and parsely and cook them for 5 minutes.

Add the tomatoes and cook for about 5 minutes. Pour in the wine and cook for 5-10 minutes more till the liquid is reduced. Season with salt if necessary.

In the meantime, you have brought a good quantity of water to the boil in a large saucepan. When water boils, add a pinch of coarse salt (according to taste) and pasta. Let it cook till al dente (or according to instructions). Drain it and stir it into the frying pan together with the shrimp and tomato sauce. Sauté for about 1 minute, then serve.

Maccheroni con Pomodorini e Gamberetti

Finalmente sono riuscita a pubblicare un nuovo post! Lo so, mi ci è voluto un po’ per pubblicare una nuova ricetta, ma la vita va avanti fuori dalla blogosfera e, a volte, il tempo è davvero tiranno.

Detto ciò, ho deciso di dedicare questo post a un bel piatto di pasta che ho sperimentato un paio di anni fa quando ero in vacanza al mare. Ovviamente, se capitate al mare, vi renderete conto che tutto ruota intorno al pesce e ai prodotti di mare. E come potrebbe essere altrimenti? Questo piatto è estremamente facile e veloce (potete usare i gamberetti precotti) e fresco. Beh, in effetti, è quasi un piatto estivo, almeno in questo emisfero, ma lo si può servire tutto l’anno.

Ingredienti

320-400 g maccheroni
500 g pomodorini ciliegia
250 g gamberetti, precotti e sgusciati
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 spicchio d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo tritato
1/2 mezzo bicchiere di vino bianco
sale q.b.

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20-30 minuti

Per 4 persone

Lavare i pomodorini e tagliarli a spicchi. Tagliare a pezzetti i gamberetti se sono troppo grandi.

In una padella far scaldare l’olio e soffriggere l’aglio fino a che non diventa leggermente dorato. Togliere l’aglio. Aggiungere i gamberetti e cuocerli per 5 minuti.

Aggiungere i pomodori e cuocere per 5 minuti. Versare il vino e cuocere èer altri 5-10 minuti fino a che il liquido non si è ritirato. Salare se necessario.

Nel frattempo, avrete messo a bollire l’acqua per la pasta. Quando l’acqua bolle, salare con il sale grosso e versare la pasta. Cuocere al dente (o secondo il gusto), scolare e versare nella padella con i pomodorini e i gamberetti. Far saltare per circa un minuto e servire.


I must confess that I’m not very good at cooking fish. I love to eat it, but inexplicably it scares me. All the same, I can’t resist when I pass by a fish shop, especially if there is fresh seafood on display (after all, is there anything more delicious than spaghetti with clams?). Well, I felt like having some fish for our Sunday lunch, but I was still undecided whether to purchase some sea bass, gilthead bream, or mackerel. Finally, I bought a fresh perch fillet having on my mind the idea of roasting it in the oven with potatoes, as usual. But when the moment came for me to prepare it, I didn’t feel like heating the oven, so I ended up cooking it on the heat. But how? I had one lime in the fridge and a celery stalk, and also some Provençal olive pickles – all ingredients that gave a chromatic tone of yellows and greens. But most of all, I had a superb bottle of Sauvignon that my husband brought home from a short business trip in Friuli.

This Sauvignon is produced by Kante winegrowers in Trieste. The wine, kept in special cellars excavated in the rocky Mount Carso, is aged for a year in barrique barrels, then for six months in steel barrels and finally bottled in 50 cl bottles. The neck of the bottle is particularly narrow and the cork is made exclusively with the part of bark facing south because of its peculiar characteristics. This Sauvignon – that must be kept at a temperature between 10°C and 15°C – was produced in 2006, that is it is at his most superb point, for maturity is reached only 3 or 4 years after vintage; actually, this wine must not be drunk if over five years old, because it loses prestige.

So, with this wonderful wine in my hand, I tried this very elegant recipe my husband really appreciated. Of course, you can substitute the Kante Sauvignon with another Sauvignon or any other still dry white wine of your choice. As for the Provençal olive pickles – which are aromatized with lemon, laurel, fennel seeds and coriander seeds – you can use other olive pickles, possibly not spicy because, this being a very delicate dish, spice would spoil it.

Ingredients

300 g perch fillet
flour
1 shallot, sliced
1/2 tsp garlic powder
1/2 celery stalk, sliced
3 tbsps extravergine olive oil
1 lime, juice and zest
10-15 coriander seeds
50 ml Sauvignon wine
300 ml water
freshly ground white pepper
freshly ground Himalayan pink salt
a handful of Provençal olives

Preparation time: 10-15 minutes
Cooking time: 15-20 minutes

Serves 2

Cut the perch into medium pieces. Flour them and set aside.

In a large frying pan, heat oil and gently fry shallots, celery, lime zest, garlic and coriander seeds. Cook for about 2-3 minutes till shallots are golden.

Now add the perch and let it brown on both sides for about 2-3 minutes. Add the lime juice and water and cook covered till tender (about 5 minutes). Now pour the wine and keep cooking for further 5 minutes. A few minutes before the perch is done, add olives. Salt and pepper to taste.

Serve with a Sauvignon wine and a fresh salad with cubed avocado seasoned with salt, extravergine olive oil and balsamic vinegar.

Filetto di persico al Sauvignon nei toni del verde

Devo confessare che non sono molto brava a cucinare il pesce. Mi piace mangiarlo, ma inspiegabilmente mi spaventa. Nonostante ciò, non resisto quando passo davanti al banco del pescivendolo (del resto, c’è qualcosa di più buono degli spaghetti alle vongole?). Comunque, mi andava un po’ di pesce per il pranzo della domenica, ma ero indecisa tra un branzino, un’orata o uno sgombro: alla fine, ho comprato un filetto di pesce persico con l’intenzione di farlo in forno con le patate come al solito. Solo che, al momento di accendere il forno, mi faceva fatica e ho finito per cuocerlo sui fornelli. Ma come? Avevo un lime e un gambo di sedano in frigo più le olive in salamoia alla provenzale – tutti ingredienti che danno un tocco cromatico di gialli e verdi. Ma soprattutto, avevo una superba bottiglia di Sauvignon che mio marito ha riportato di ritorno da un viaggio di lavoro in Friuli.

Questo Sauvignon è prodotto dall’azienda vinicola Kante di Trieste. Il vino, tenuto in cantine scavate nella roccia del Carso, viene invecchiato prima un anno in botti barrique, poi sei mesi in botti d’acciaio e, infine, imbottigliato in bottiglie da mezzo litro. Il collo della bottiglia è molto stretto e il tappo è fatto solo sughero preso dalla corteccia esposta a sud. Questo Sauvignon – che deve essere conservato a una temperatura tra 10°C e i 15°C – è stato prodotto nel 2006 ed è quindi al massimo della sua maturazione, che avviene dopo tre o quattro anni dalla vendemmia. Il vino, infatti, va bevuto entro il quinto anno, altrimenti perde il suo prestigio.

Perciò, con questo meraviglioso vino tra le mani, ho provato questa elegante ricetta che mio marito ha molto apprezzato. Ovviamente, si può sostituire il Sauvignon Kante con un altro Sauvignon o con un altro vino bianco fermo e secco di vostra scelta. Per quanto riguarda le olive alla provenzale – che sono condite con limone, alloro, semi di finocchio e di coriandolo – si possono usare altre olive in salamoia, purché non piccanti perché altrimenti rovinerebbero il gusto delicato di questo piatto.

Ingredienti

300 g di filetto di persico
farina
1 scalogno a fette
1/2 cucchiaino di aglio in polvere
1/2 gambo di sedano, a fette
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 lime, succo e scorza
10-15 semi di coriandolo
50 ml di vino Sauvignon
300 ml di acqua
pepe bianco macinato al momento
sale rosa dell’Himalaya macinato al momento
una manciata di olive alla provenzale

Tempo di preparazione: 10-15 minuti
Tempo di cottura: 15-20 minuti

Per 2 persone

Tagliare il filetto in pezzi di media grandezza. Infarinarli e metterli da parte.

In una padella far scaldare l’olio e cuocere gli scalogni, il sedano, la scorza di lime, l’aglio e il coriandolo per 2-3 minuti finché lo scalogno non diventa dorato.

Aggiungere il persico e dorare per 2-3 minuti da ogni lato. Aggiungere il succo di lime e l’acqua e cuocere coperto fino a quando risulta morbido (5 minuti circa). Versare il vino e cuocere per altri 5 minuti. Pochi minuti prima di spegnere, aggiungere le olive.

Servire con un Sauvignon e con un’insalatina fresca con avocado condita con sale, olio extravergine di oliva e aceto balsamico.


Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 38 other followers

%d bloggers like this: