Archive

First Courses

June has brought a wave of fresh news to me and to the blog. I, Rita, have become an official contributor to Honest Cooking online magazine. This is a great adventure for me because Honest Cooking shares the best of worldwide recipes and food-related articles written by well-established bloggers and food writers. So, don’t worry if it takes me a while to update the blog or if I can’t visit yours: I’m just a little busier than usual (and don’t forget I have a toddler crawling around all the time!!). Well, here’s the very first article I wrote for Honest Cooking (click here to see the HC page). I hope you enjoy it!

Read More

“Viva la pa-pa-pappa
Col po-po-po-po-po-po-pomodoro
Viva la pa-pa-pappa
Che è un capo-po-po-po-po-polavoro…”

Pappa al pomodoro is one of the most traditional Tuscan dishes, especially made in the area around Florence. Like many traditional recipes, its origins are poor and humble, the two main ingredients being tomatoes and stale bread. Though very simple to make, it’s a great masterpiece of Italian cuisine, like the famous song said.

Read More

After the sweet illustration for Lapo’s book I’m back to my old love: cooking. And I’m back with a warm, savory first course to cheer you up on a cold, rainy day: an orzotto, that is a risotto made with barley instead of rice. I’ve had this recipe in my for a long time, since I bought a pack of barley some three months ago (or even earlier, surely before I broke my leg). Making an orzotto is as simple as making risotto: only cooking times are slightly shorter. Well, for this orzotto I was inspired by a couple of recipes from Jamie’s Italy, Jamie Oliver’s book on Italian cuisine. Read More


I finally managed to publish a new post! I know, it took me a while to publish a new recipe but life happens outside the blogosphere, and sometimes time is a really hard master.

Thus saying, I’m going to dedicate this post to a nice pasta dish I experimented a couple of years ago while I was on vacation by the sea. Of course, if you happen to chose a seaside place for your holiday, you’ll notice that everything deals with fish and seafood. How could it be otherwise? This pasta dish is extremely quick and easy (you can use precooked shrimps) and also very fresh. Yes, actually it’s a rather summer dish, at least in this hemisphere, but you can serve it all year round.

Ingredients

320-400 g macaroni
500 g cherry tomatoes
250 g shrimps, precooked and shelled
2 tbsps extravergine olive oil
1 garlic clove
1 tuft of parsley, chopped
1/2 glass of white wine
salt to taste

Preparation time: 10 minutes
Cooking time: 20-30 minutes

Serves 4

Wash the tomatoes and cut them into wedges. Cut the shrimps into small pieces if they are too big.

In a large frying pan heat the oil and cook the garlic clove till it’s slightly golden, then remove it. Toss in the shrimps and parsely and cook them for 5 minutes.

Add the tomatoes and cook for about 5 minutes. Pour in the wine and cook for 5-10 minutes more till the liquid is reduced. Season with salt if necessary.

In the meantime, you have brought a good quantity of water to the boil in a large saucepan. When water boils, add a pinch of coarse salt (according to taste) and pasta. Let it cook till al dente (or according to instructions). Drain it and stir it into the frying pan together with the shrimp and tomato sauce. Sauté for about 1 minute, then serve.

Maccheroni con Pomodorini e Gamberetti

Finalmente sono riuscita a pubblicare un nuovo post! Lo so, mi ci è voluto un po’ per pubblicare una nuova ricetta, ma la vita va avanti fuori dalla blogosfera e, a volte, il tempo è davvero tiranno.

Detto ciò, ho deciso di dedicare questo post a un bel piatto di pasta che ho sperimentato un paio di anni fa quando ero in vacanza al mare. Ovviamente, se capitate al mare, vi renderete conto che tutto ruota intorno al pesce e ai prodotti di mare. E come potrebbe essere altrimenti? Questo piatto è estremamente facile e veloce (potete usare i gamberetti precotti) e fresco. Beh, in effetti, è quasi un piatto estivo, almeno in questo emisfero, ma lo si può servire tutto l’anno.

Ingredienti

320-400 g maccheroni
500 g pomodorini ciliegia
250 g gamberetti, precotti e sgusciati
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 spicchio d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo tritato
1/2 mezzo bicchiere di vino bianco
sale q.b.

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20-30 minuti

Per 4 persone

Lavare i pomodorini e tagliarli a spicchi. Tagliare a pezzetti i gamberetti se sono troppo grandi.

In una padella far scaldare l’olio e soffriggere l’aglio fino a che non diventa leggermente dorato. Togliere l’aglio. Aggiungere i gamberetti e cuocerli per 5 minuti.

Aggiungere i pomodori e cuocere per 5 minuti. Versare il vino e cuocere èer altri 5-10 minuti fino a che il liquido non si è ritirato. Salare se necessario.

Nel frattempo, avrete messo a bollire l’acqua per la pasta. Quando l’acqua bolle, salare con il sale grosso e versare la pasta. Cuocere al dente (o secondo il gusto), scolare e versare nella padella con i pomodorini e i gamberetti. Far saltare per circa un minuto e servire.




I made this recipe by chance. I needed to prepare something easy and quick for lunch, but I had very little left in the fridge: only cherry tomatoes and some sun-dried tomatoes in oil from Calabria, plus half a package of fresh orecchiette. Why not try to make somehting different than the usual tomato sauce? Moreover, my husband adores sun-dried tomatoes. Well, a recipe created by chance was an incredible success at home and my husband now begs me to cook it almost every week!

Ingredients

250 g orecchiette
250 g cherry tomatoes, cut into wedges
6-7 sun-dried tomatoes in oil, sliced
2 tbsps extravergine olive oil
1/4 tsp garlic powder
1/4 tsp chili pepper flakes
a pinch of dried oregano
2-3 basil leaves
salt to taste

Preparation time: 10 minutes
Cooking time: 20-30 minutes

Serves 2

In a large frying pan, brown the garlic powder in the heated oil. Toss the sun-dried tomatoes into the frying pan and cook for about 2-3 minutes. Add the cherry tomatoes, oregano and chili pepper and cook covered for about 10-15 minutes or till the cherry tomatoes are tender, adding water if necessary to prevent tomates from sticking onthe bottom of the pan. Add the basil leaves and salt to taste.

In the meantime, you have brought water to the boil in a large saucepan. When water boils, add a pinch of coarse salt (according to taste) and the orecchiette. Let them cook till al dente (or according to instructions). Drain them and stir them into the frying pan together with the tomatoes sauce. Sauté for about 1-2 minutes, then serve.

According to taste, you can serve the orecchiette with grated pecorino cheese.

Orecchiette con Pomodori Secchi e Pomodorini Freschi

Questa ricetta mi è venuta per caso. Dovevo preparare qualcosa di facile e veloce per pranzo, ma in frigo avevo veramente poco: solo dei pomodorini ciliegia e qualche pomodoro secco sott’olio dalla Calabria, più una mezza confezione di orecchiette fresche. Perché non provare a fare qualcosa di diverso dal solito sugo al pomodoro? Oltretutto, mio marito va pazzo per i pomodori secchi. Beh, una ricetta inventata a caso è diventata un successo e ora mio marito mi chiede di fargliela tutte le settimane!

Ingredienti

250 g di orecchiette fresche
250 g di pomodorini ciliegia tagliati in quarti
6-7 pomodori secchi sott’olio tagliati a striscioline
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1/4 di cucchiaino di aglio in polvere
1/4 di cucchiaino di peperoncino
una presa di origano
2-3 foglie di basilico
sale q.b.

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20-30 minuti

Per 2 persone

Scaldare l’olio in una padella e far imbiondire l’aglio. Aggiungere i pomodori secchi e far cuocere per 2-3 minuti. Aggiungere i pomodori freschi, l’origano e il peperoncino e cuocere coperto per 10-15 minuti o finché i pomodorini ciliegia non risultano morbidi, aggiungendo acqua, se necessario, per impedire che i pomodori si attacchino. Aggiungere le foglie di basilico e salare a piacere.

Nel frattempo, avrete messo a bollire l’acqua per le orecchiette. Quando l’acqua bolle, salare con il sale grosso e versare le orecchiette. Cuocere al dente (o secondo il gusto), scolare e versare nella padella con il sugo dei pomodori. Far saltare per circa 1-2 minuto e servire.

Volendo, si possono servire le casarecce con pecorino grattugiato.

Featured as Today’s Special on Foodpress on 20th December 2010



Sun Dried Tomatoes

Orecchiette With Sun-Dried and Fresh Cherry Tomatoes

 

Vegetable soups are one of my favorite autumn treats, because they are simple, healthy and warming. There are many seasonal vegetables among which one can choose, but what best than butternut squash? To me it’s perfect cooked in every way. Someone may object that squashes are flavorless and it’s partly true, but maybe it’s thanks to this characteristic that they are so versatile. Celeriac is another vegetable of the season which adds a little flavor to squash. To spice up this soup I added a little curry and a topping made with fried bacon and leek.

Ingredients

650 g butternut squash, peeled and cut into chunks (you obtain 650 g with a squash weighing about 1kg)
1 celeriac, peeled and cut into chunks
1 garlic clove
1 shallot, peeled and sliced
3-4 tbsps extravergine olive oil
1 tsp coriander seeds
2 tsps curry powder
400 ml vegetable stock
salt and pepper to taste

125 g bacon, diced
1 leek, sliced
1 tbsp extravergine olive oil

Preparation time: 40 minutes
Cooking time: 35 minutes

Serves 3-4

In a large frying pan fry shallot, garlic and coriander seeds in the extravergine olive oil for about 1-2 minutes till shallot is golden. Remove garlic. Toss celeriac and squash in the pan and cook covered for about 10 minutes. Pour in vegetable stock and cook for 20 minutes till vegetables are tender. Stir in curry, and salt and pepper to taste. Blend the vegetables with a stick blender till you have a smooth puree. Serve into soup bowls.

In the meantime you have prepared the leek and bacon topping. Fry the bacon in a frying pan till crispy and golden. Set aside. In another frying pan heat oil and cook the leek covered for about 15 minutes till it’s tender. Sprinkle leek and bacon on top of the soup and serve.

Crema di Zucca e Sedano Rapa al Curry con Pancetta Croccante e Porro

Le creme di verdura sono tra i miei piatti autunnali preferiti perché sono semplici, sane e calde. Sono molte le verdure di stagione tra cui scegliere, ma cosa c’è di meglio della zucca? Per me e’ perfetta in ogni modo. Qualcuno potrebbe obiettare che le zucche non sanno di nulla, ed in parte e’ vero, ma proprio grazie a questa caratteristica sono così versatili. Il sedano rapa e’ un’altra verdura di stagione che aggiunge un po’ di gusto alla zucca. Per dare un po’ di sapore a questo piatto ho aggiunto anche il curry e il top di pancetta e porro.

Ingredienti

650 g di zucca sbucciata e tagliata a pezzi (da 1 kg di zucca vengono circa 650 g)
1 sedano rapa sbucciato e tagliato a pezzi
1 spicchio d’aglio
1 scalogno sbucciato e a fette
3-4 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cucchiaino di semi di coriandolo
2 cucchiai di curry
400 ml di brodo vegetale
sale e pepe q.b.

125 g di pancetta dolce a cubetti
1 porro a fette
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

Tempo di preparazione: 40 minuti
Tempo di cottura: 35 minuti

Per 3-4 persone

In una padella far soffriggere lo scalogno, l’aglio e i semi di coriandolo nell’olio per 1-2 minuti finché lo scalogno diventa dorato. Rimuovere l’aglio. Aggiungere il sedano rapa e la zucca e cuocere coperto per circa 10 minuti. A questo punto versare il brodo e far cuocere per 20 minuti fino a che le verdure non siano morbide. Aggiungere il curry, salare e pepare a piacere. Mescolare. Frullare le verdure fino ad ottenere una crema omogenea. Servire in ciotole.

Nel frattempo avrete preparato la pancetta e il porro. Fate friggere la pancetta per 5 minuti fino a che non risulti croccante e dorata. Mettere da parte. In un’altra padella scaldare l’olio e cuocere il porro per 15 minuti finché risulta tenero. Decorare le ciotole di crema con il porro e la pancetta.


Submitted to Ti Cucino Così – Minestre e Zuppe contest
Partecipa la contest di Ti Cucino Così – Minestre e Zuppe

Red Chicory Risotto is a traditional dish from the Italian region of Veneto where this special chicory is famously produced. The proper variety of red chicory for this risotto is the so called ‘from Treviso’, but any kind would do.

Ingredients

150 g (5.3 oz) Arborio rice
1 head of red chicory, thinly sliced
1 tbsp extravergine olive oil
1 garlic clove
1/2 glass red wine
600 ml vegetable stock
20 g (0.6 oz) butter
1 tbsp parmigiano reggiano

Preparation time: 5-10 minutes
Cooking time: about 30 minutes

Heat oil in a large saucepan. Add the garlic clove and cook for 1-2 minutes till golden, then remove it. Add the red chicory and cook covered for about 5 minutes or until it becomes slightly brown and tender.

Now add the uncooked rice and let it sauté for about 1-2 minutes, stirring constantly and swiftly with a wooden spoon (the rice grains should be all covered with oil but must not turn brown).

Pour the red wine and cook till it’s all absorbed. Now pour a ladle of hot stock over the rice and let it simmer, stirring constantly to prevent rice from scorching (note that the stock must be hot because otherwise the cooking process is stopped). When the liquid is all absorbed, pour another ladle of stock, stirring all the time, and let it cook till it’s absorbed again; repeat until you have no more stock left and the rice is completely cooked (it will take about 20 minutes). This method of adding a ladleful of stock at a time allows rice starch to be released thus giving risotto a very creamy texture. The risotto is ready when it’s al dente, that is grains are tender but rather firm, though not hard (if for any reason the rice is not done yet, add some hot water as you did with the stock and keep cooking).

At this point, remove the risotto from heat. Stir in parmesan and butter and finally pepper. If the vegetable stock is already salted, adding more salt would be probably unnecessary. In any case, wait until parmesan is stirred in before adjusting the seasoning, because it is a rather tasty cheese itself.

Serve immediately.

Risotto al Radicchio Rosso

Il Risotto al radicchio rosso è un un piatto tradizionale tipico del Veneto, dove viene questo tipo di insalata. La varietà più giusta per questo risotto sarebbe il radicchio trevigiano, ma anche altri tipi vanno ugualmente bene.

Ingredienti

150 g di riso Arborio
1 cespo di radicchio rosso, tagliato a listarelle
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1 spicchio d’aglio
1/2 bicchiere di vino rosso
600 ml di brodo vegetale
20 g di burro
1 cucchiaio di parmigiano reggiano

Tempo di preparazione: 5-10 minuti
Tempo di cottura: 30 minuti circa

Scaldare l’olio in una padella. Far dorare lo spicchio d’aglio per 1-2 minuti, dopodiché toglierlo. Aggiungere il radicchio rosso e appassire coperto per circa 5 minuti o fino a quando non diventa marroncino e morbido.

Aggiungere il riso non cotto e farlo tostare per circa 1-2 minuti, mescolando continuamente e velocemente con un mestolo di legno (i chicchi di riso devono essere ricoperti di olio ma non devono diventare marroni).

Versare il vino rosso e cuocere finché non si è ritirato. Versare un mestolo di brodo caldo sul riso e lasciar cuocere mescolando continuamente per evitare che il riso si attacchi (notare che il brodo deve essere caldo altrimenti la cottura si interrompe). Quando il liquido si è ritirato, aggiungere un altro mestolo di brodo, sempre mescolando, e cuocere finché non si è nuovamente ritirato; ripetere fino a che non sia rimasto più brodo e il riso sia cotto (ci vorranno circa 20 minuti). Questo metodo di aggiungere un mestolo di brodo alla volta fa sì che vengano rilasciati gli amidi del riso, ottenendo così un risotto molto cremoso. Il risotto è pronto quando è al dente, quando cioè i chicci sono morbidi ma ancora abbastanza durini (se, per qualche ragione, il riso non è ancora cotto, aggiungere acqua come fatto col brodo e continuare a cuocere).

A questo punto togliere il risotto dal fuoco. Mantecare con il burro e il parmigiano e infine aggiungere il pepe e la noce moscata. Se il brodo era già salato, probabilmente non è necessario aggiungere altro sale. In ogni caso, aspettare fino a che non è stato aggiunto il parmigiano, visto che è un formaggio molto saporito di suo.

Servire subito.


I had some squash left from Perfumed Butternut Squash Risotto and I needed to make something of it, but what? It wasn’t enough to make anything like soups, so I decided to make some pasta sauce together with zucchinis. We’re great fans of zucchinis at home and I use them to make pasta sauce whenever I can: I had never tried them with squash, though, so I couldn’t guess how they would come out. They were rather good, actually, especially thanks to thyme and white wine which added some flavor to the ensemble. Like any Italian gourmand, we love to season pasta with some grated cheese and pecorino (sheep’s milk ripened cheese) is perfect on this dish. As for the pasta, I chose to use casarecce, which is a particular kind, but you can use farfalle as well (or any other kind of pasta you find).

Ingredients

180 g (6.3 oz) casarecce pasta
2-3 zucchinis, sliced
230 g (8 oz) butternut squash, peeled and cubed
4 tbsps extravergine olive oil
1 garlic clove
1/2 cup water
1/2 glass dry white wine
a sprig of fresh thyme
4-5 basil leaves
a pinch of white pepper, freshly ground
pink Himalayan salt to taste
coarse salt for cooking pasta
pecorino cheese

Preparation time: 15 minutes
Cooking time: 40 minutes

Serves 2

Heat oil in a large frying pan. Fry the garlic clove for about a minute, till it becomes light brown, then remove it. Add zucchinis and squash and fry them until slightly golden. Pour 1/2 cup of water (or more, if necessary) and cook covered for about 20-25 minutes on a medium heat till vegetables become tender.

Pour wine and let it simmer for about 10 minutes until it’s absorbed. At this point, add thyme, basil and pepper. Adjust the seasoning with salt.

In the meantime, you have brought water to the boil in a large saucepan. When water boils, add a pinch of coarse salt (according to taste) and pasta. Let it cook till al dente (or according to instructions). Drain it and stir it into the frying pan together with the squash and zucchini sauce. Sauté for about 1 minute, then serve.

According to taste, you can serve casarecce with grated pecorino.

Casarecce alla Zucca e Zucchine

Avevo un po’ di zucca avanzata dal Risotto profumato alla Zucca e dovevo farci qualcosa; ma cosa? Non essendo sufficiente per farci una zuppa, ho deciso di farci un condimento per la pasta insieme alle zucchine. Siamo grandi fan delle zucchine a casa e cerco di farci sughi per la pasta ogni volta che posso: non le avevo mai provate con la zucca, però, e non ero molto sicura del risultato. Alla fine sono venute buone, anche grazie al timo e al vino bianco che hanno portato un po’ di sapore all’insieme. Come ogni bravo italiano, ci piace condire la pasta con un po’ di formaggio grattugiato e il pecorino è perfetto su questo piatto. Per quanto riguarda la pasta, io ho usato le casarecce, ma vanno bene anche le farfalle o un qualunque altro formato a scelta.

Ingredienti

180 g casarecce
2-3 zucchine, tagliate a fette
230 g di zucca, sbucciata e tagliata a dadini
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 spicchio d’aglio
1/2 tazza di acqua
1/2 bicchiere di vino bianco secco
un rametto di timo fresco
4-5 foglie di basilico
una spruzzata di pepe bianco macinato al momento
sale rosa dell’Himalaya macinato al momento
sale grosso per cuocere la pasta
pecorino grattugiato

Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 40 minuti

Per 2 persone

Riscaldare l’olio in una padella. Friggere l’aglio per circa un minuto finché non è leggermente marrone, poi toglierlo. Aggiungere le zucchine e la zucca e friggerle fino a che non sono appena dorate. Versare mezza tazza d’acqua (o più, se necessario) e cuocere coperto per circa 20-25 minuti fino a quando le verdure non risultano tenere.

Versare il vino e lasciar sobbollire per circa 10 minuti fino a che non si è ritirato. A questo punto aggiungere il timo, il basilico, il pepe e regolare di sale.

Nel frattempo, avrete messo a bollire l’acqua per la pasta. Quando l’acqua bolle, salare con il sale grosso e versare la pasta. Cuocere al dente (o secondo il gusto), scolare e versare nella padella con le verdure. Far saltare per circa un minuto e servire.

Volendo, si possono servire le casarecce con pecorino grattugiato.


Autumn is to me the orange season: pumpkins, persimmons and red-yellowish leaves decorate homes, landscapes and also markets. A joy to the eye! Squash, of course, is the queen of orange vegetables. Though not very tasty if taken alone, you can cook it in a lot of different manners, all of them absolutely scrumptious.

Butternut squash risotto (or pumpkin risotto, as well) is a seasonal dish typically from Northern Italy (all the area around Mantua is famous for producing squashes). I personally adore risottos and this is one of my favorite. To enhance the squash flavor, I love to add some chili peppers (a gift for my husband) as well as cloves and nutmeg for a very perfumed and autumnal note.

Ingredients

350 g (12.6 oz) butternut squash, peeled and cubed
150 g (5.3 oz) Arborio rice
600 ml hot vegetable stock
2 shallots
4-5 cloves
2 small dried chili peppers
3 tbsps extravergine olive oil
20 g (0.6 oz) butter
1 tbsp grated parmigiano reggiano (parmesan cheese)
freshly ground white pepper
a pinch of nutmeg, freshly ground
salt to taste

Preparation time: 15-20 minutes
Cooking time: about 40 minutes

Serves 2

Heat oil in a large saucepan. Add the shallots, chili peppers and cloves and let them cook for about 2-3 minutes or until shallots are soft and golden. Add the cubed squash and cook covered for about 15 minutes, until rather soft.

Now add the uncooked rice and let it sauté for about 1-2 minutes, stirring constantly and swiftly with a wooden spoon (the rice grains should be all covered with oil but must not turn brown). Remove the cloves and chili peppers.

Pour a ladle of hot stock over the rice and let it simmer, stirring constantly to prevent rice from scorching (note that the stock must be hot because otherwise the cooking process is stopped). When the liquid is all absorbed, pour another ladle of stock, stirring all the time, and let it cook till it’s absorbed again; repeat until you have no more stock left and the rice is completely cooked (it will take about 20 minutes). This method of adding a ladleful of stock at a time allows rice starch to be released thus giving risotto a very creamy texture. The risotto is ready when it’s al dente, that is grains are tender but rather firm, though not hard (if for any reason the rice is not done yet, add some hot water as you did with the stock and keep cooking).

At this point, remove the risotto from heat. Stir in parmesan and butter and finally nutmeg and white pepper. If the vegetable stock is already salted, adding more salt would be probably unnecessary. In any case, wait until parmesan is stirred in before adjusting the seasoning, because it is a rather tasty cheese itself.

Serve immediately.

Risotto profumato alla Zucca

L’autunno per me è la stagione arancione: zucche, cachi e foglie rosse e gialle decorano le case, i paesaggi e anche i supermercati. Una gioia per gli occhi! Le zucche, ovviamente, sono le regine degli ortaggi arancioni. Pur non essendo molto saporite di suo, possono essere cotte in mille modi diversi, tutti deliziosi.

Il risotto alla zucca è un piatto tipico del nord Italia (tutta l’area intorno a Mantova è famosa per la produzione di zucche). Personalmente, adoro i risotti e questo è uno dei miei preferiti. Per dare più sapore alla zucca, mi piace aggiungere un po’ di peperoncino (un regalo per mio marito), così come chiodi di garofano e noce moscata per dare un tocco molto autunnale e profumato.

Ingredienti

350 g di zucca pelata e tagliata a cubetti
150 g di riso Arborio
600 ml di brodo vegetale caldo
2 scalogni
4-5 chiodi di garofano
2 peperoncini secchi
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
20 g di burro
1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato
pepe bianco macinato al momento
un pizzico di noce moscata macinata al momento
sale q.b.

Tempo di preparazione: 15-20 minuti
Tempo di cottura: circa 40 minuti

Per 2 persone

Riscaldare l’olio in una padella grande. Aggiungere gli scalogni, i peperoncini e i chiodi di garofano e cuocere per circa 2-3 minuti fino a che gli scalogni non risultano morbidi e dorati. Aggiungere la zucca a cubetti e cuocere coperta per circa 15 minuti, finché non è piuttosto morbida.

Aggiungere il riso non cotto e farlo tostare per circa 1-2 minuti, mescolando continuamente e velocemente con un mestolo di legno (i chicchi di riso devono essere ricoperti di olio ma non devono diventare marroni). Togliere i chiodi di garofano e i peperoncini.

Versare un mestolo di brodo caldo sul riso e lasciar cuocere mescolando continuamente per evitare che il riso si attacchi (notare che il brodo deve essere caldo altrimenti la cottura si interrompe). Quando il liquido si è ritirato, aggiungere un altro mestolo di brodo, sempre mescolando, e cuocere finché non si è nuovamente ritirato; ripetere fino a che non sia rimasto più brodo e il riso sia cotto (ci vorranno circa 20 minuti). Questo metodo di aggiungere un mestolo di brodo alla volta fa sì che vengano rilasciati gli amidi del riso, ottenendo così un risotto molto cremoso. Il risotto è pronto quando è al dente, quando cioè i chicci sono morbidi ma ancora abbastanza durini (se, per qualche ragione, il riso non è ancora cotto, aggiungere acqua come fatto col brodo e continuare a cuocere).

A questo punto togliere il risotto dal fuoco. Mantecare con il burro e il parmigiano e infine aggiungere il pepe e la noce moscata. Se il brodo era già salato, probabilmente non è necessario aggiungere altro sale. In ogni caso, aspettare fino a che non è stato aggiunto il parmigiano, visto che è un formaggio molto saporito di suo.

Servire subito.


Celeriac is probably the ugliest among vegetables, but it’s one the most versatile. Due to its delicate flavor (it resembles celery but it’s a little sweeter), you can eat it cooked or raw and it’s the perfect addition to salads or pinzimonio (an Italian sauce of oil, salt and pepper in which raw vegetables are dipped). Cooked and mashed, it makes a wonderful and aromatic soup you can eat alone or with some croutons.

To make this soup I added some potatoes (as I usually do with every soup) for a smoother texture. You can use those of the vegetable stock or cooked them (peeled and cut into chunks) together with celeriac.

Ingredients

1 celeriac, peeled and chopped
3 small potatoes, peeled and chopped
2 shallots, thinly sliced
1 garlic clove
400 ml vegetable stock
2 tbsps extravergine olive oil
salt and pepper to taste
1 tsp chive, chopped, for decoration

Preparation time: 15-20 minutes
Cooking time: 25-30 minutes

Serves 2

Heat oil in a saucepan, add shallots and garlic and let them fry for about 1-2 minutes until soft and lightly golden. Remove garlic. Add celeriac (and potatoes if they aren’t already cooked), salt, pepper and cook for further 1-2 minutes. Add vegetable stock and cook for about 20 minutes till vegetables are soft. Add potatoes from vegetable stock (if you haven’t added them early). Remove from heat and blend with a stick blender until you have a smooth cream. Decorate with chive.

Crema di sedano rapa e patate

Il sedano rapa è probabilmente il più brutto tra tutte le verdure, eppure è uno dei più versatili. Grazie al suo sapore delicato (ricorda il sedano, ma è leggermente più dolce) è ottimo nell’insalata o nel pinzimonio. Cotto e passato, poi, regala una crema deliziosa e aromatica da mangiarsi da sola o accompagnata da pane abbrustolito.

Per questa crema ho aggiunto anche le patate (come faccio di solito) per avere un tocco più morbido. Volendo, si possono usare le patate del brodo vegetale o cuocerle direttamente (sbucciate e fatte a pezzi) insieme al sedano rapa.

Ingredienti

1 sedano rapa, pelato e tagliato a pezzi
3 patate piccole, sbucciate e tagliate a pezzi
2 scalogni, affettati fini
1 spicchio d’aglio
400 ml
brodo vegetale
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b.
1 cucchiaino di erba cipollina tritata per decorare

Tempo di preparazione: 15-20 minuti
Tempo di cottura: 25-30 minuti

Per 2 persone

Scaldare l’olio in una padella e friggere gli scalogni e l’aglio per 1-2 minuti fino a che non siano leggermente dorati. Rimuovere l’aglio. Aggiungere il sedano rapa (e le patate se non sono già cotte), sale, pepe e cuocere per altri 1-2 minuti. Versare il brodo vegetale e cuocere per circa 20 minuti, fino a quando la verdura non è morbida. Aggiungere le patate del brodo vegetale (se non le avete già aggiunte prima). Togliere dal fuoco e passare al mixer fino ad ottenere una crema omogenea. Decorare con l’erba cipollina.

Submitted to Ti Cucino Così – Zuppe e Minestre Contest
Partecipa al contest di Ti Cucino Così – Zuppe e Minestre

I’ve had this recipe in mind for a long time, but I’ve always be restrained by the want of pomegranates. My pomegranate tree is laden with fruits by now, but they’re still unripe – I’ll have to wait till next month, probably. So, when I found pomegranates at the supermarket I made up my mind: I bought one and tried this exceedingly aromatic, perfumed rice. Well, the experiment has been a success: the pomegranate seeds add a fresher touch to the spicy warmth of cumin and cardamom, and quench the hot tangy taste of the Tandoori-style Chicken and Mango Chutney.

Ingredients

120 g Patna rice
1/2 pomegranate
1 shallot
1 tsp cumin seeds
4-5 cardamom pods
knob of butter
salt to taste

Preparation time: 30 minutes
Cooking time: 15-20 minutes

Serves 2

Soak the rice for about half an hour in a bowl full of cold water (this must totally cover the rice), changing water a couple of times: this procedure helps to eliminate rice starch. Rinse and strain the rice, then place it in a large saucepan with cold water again and bring to the boil. When the boiling point is reached, add salt and let it all boil for about ten minutes (rice grains must be slightly underdone).

In the meantime, deseed the pomegranate (start this process early, because it takes a pretty long time, though only half a pomegranate is necessary): remember to remove all the white pith from the seeds because it has a bitter taste.

Chop the shallot and place it in a frying pan with butter: cook for about 2-3 minutes, until butter is melt and shallot is lightly golden. Add cumin and cardamom seeds (you have to cut the pods to take out the seeds) and cook for further 3-4 minutes.

When rice is done, strain it and place in the frying pan with the spice and butter and sauté it for a couple of minutes. Finally stir in the pomegranate seeds.

Serve the rice with Tandoori-style Chicken and Mango Chutney.

Riso alla Melagrana

È da un pezzo che ho in mente questa ricetta, ma sono sempre stata limitata dalla mancanza di melagrane. Il mio melograno adesso è carico di frutti, ma purtroppo non sono ancora maturi e mi sa che dovrò aspettare il mese prossimo. Così, quando ho trovato le melagrane al supermercato, mi sono decisa e ho voluto provare a fare questo riso estremamente aromatico e profumato. Beh, l’esperimento è stato un successo: i chicchi di melagrana aggiungono un tocco fresco al calore speziato del cumino e del cardamomo e smorzano il sapore piccantino del Pollo alla Tandoori e del Mango Chutney.

Ingredienti

120 g di riso Patna
1/2 melagrana
1 scalogno
1 cucchiaino di semi di cumino
4-5 bacche di cardamomo
una noce di burro
sale q.b

Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo di cottura: 15-20 minuti

Per 2 persone

Lasciare il riso in ammollo in una bacinella d’acqua per circa mezz’ora, cambiando l’acqua un paio di volte: questo procedimento consente di eliminare l’amido in eccesso. Sciacquare e scolare il riso, quindi metterlo in una pentola con acqua fredda e portare ad ebollizione. Quando l’acqua inizia a bollire, aggiungere il sale e lasciar cuocere per una decina di minuti (i chicchi di riso devono essere leggermente al dente).

Nel frattempo, togliere i chicchi dalla melagrana (iniziate per tempo, perché il processo è lungo): ricordate di togliere tutta la pellicina bianca dai chicchi perché è amara.

Tritare lo scalogno e farlo imbiondire in una padella con il burro per circa 2-3 minuti. Aggiungere i semi di cumino e cardamomo (per avere i semi di quest’ultimo, è necessario toglierli dalle bacche) e cuocere per altri 3-4 minuti.

Quando il riso è cotto, scolarlo e versarlo nella padella con le spezie e il burro e farlo saltare un paio di minuti. Infine aggiungere i chicchi di melagrana e mescolare.

Servire con il Pollo alla Tandoori e Mango Chutney.

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 38 other followers

%d bloggers like this: